6° Golden Cup

Quando io immagino una gara ufficiale di karate, penso con grande piacere, alle oramai varie “edizioni” della Golden Cup della FIK organizzate nel PalaMaggetti di Roseto degli Abruzzi (TE).

Sarà perché il Comitato Regionale Abruzzo ha oramai acquisito una elevatissima abilità organizzativa, sarà per la bellezza della ridente località turistica dell’Adriatico, sarà per la regia altamente “professionale” del M° Gianni Visciano, sarà infine per la oramai conclamata eccellenza tecnico-programmatica della FIK, ma la Golden Cup suscita in me, una grande emozione ed una chiara “visione” di come si allestisce una competizione di karate!

Nessuno (e ripeto nessuno) in “giro” per i tatami che non siano i due atleti in gara ed i tre arbitri impegnati su quel tatami; nessuna borsa, protezioni varie, tute, cinture e nessuna “famigerata” bottiglietta. Una pulizia insomma che fa assomigliare sempre più questa manifestazione di karate …. ad una gara di qualsiasi altro sport!

Una competizione ordinata e rispettosa dello sport, insomma, e non un mercato rionale in un giorno di festa….

Prima dell’inizio della gara, il M° Sergio Valeri ed il M° Vincenzo Sarappa, hanno effettuato , come oramai d’abitudine, il briefing di aggiornamento arbitrale per continuare ad omogeneizzare sempre più, i parametri di giudizio arbitrale sui quattro tatami di gara.

“Il livello dei nostri arbitri – commenta il Presidente Dott Riccardo Mosco – sta migliorando sempre più e stiamo notando anche una  maggiore consapevolezza sul fondamentale ruolo dei capi-area, importantissimo anello di congiunzione, del nuovo Regolamento gare FIK-IKU tra la Commissione arbitri e tutti gli ufficiali di gara, specie con alcuni arrivati da poco tempo, da altre organizzazioni.”

Un plauso va certamente esteso al lavoro effettuato da tutti i bravi arbitri convocati a questa prima gara nazionale FIK ed in particolar modo ai 4 capi tatami: Vincenzo Sarappa , Otello Zuliani, Alberto Isoldi e Luciano Masci.

Questa Golden Cup ha visto la partecipazione di ben oltre 600 atleti da poco più di 90 società, tutti cinture  marroni/nere delle classi agoniste (da Esordienti a  Veterani) ed era valida per la acquisizione dei primi punti-gara utili per la classifica azzurrabili della FIK.

Le categorie erano tutte ricche di iscrizioni e con un livello tecnico elevatissimo; oramai salire su un qualsiasi podio, in FIK, non è per nulla semplice. Ne hanno fatto le “spese” alcuni “senatori” che, abituati a vincere  (forse) hanno sottovalutato i giovani emergenti e, questa volta, non …. hanno vinto!

Nella giornata di sabato 7 dicembre us. sono entrati in scena i kata , mentre nella giornata di domenica 8 dicembre è stata la volta dei kumite; nessun incidente serio, nessuna contestazione arbitrale ed il lavoro del Commissario dei video-reclami M° Adriano Cosma è filato via  “liscia” e senza troppi interventi.

“Abbiamo notato che l’ausilio delle prove video – dichiara il Vicepresidente Dott Stefano Pucci - che è una nostra prerogativa unica in Italia, ancora non è sfruttato compiutamente.“

“Mi spiego meglio – continua Pucci – notiamo che, ancora oggi, molto spesso si richiede la prova video per “valutazioni” arbitrali che non possono essere soggette ad interpretazioni tecniche da parte dei coach, ed invece, in alcuni casi di non conformi giudizi del Regolamento gare (dove sarebbe “producente” per i coach la prova video) questi ultimi non la richiedono affatto.”

“Per me, come già discusso con i vertici tecnici federali - conclude Stefano Pucci – sarà opportuno in futuro, fare una riunione pre-gara con i coach per discutere con loro su quando sia opportuna la richiesta delle prove-video. “

Gli orari sono stati rispettati in toto (con un leggero ritardo la domenica di circa una ora) e le premiazioni, effettuate dal M° Fabio Tomei appena terminata ogni singola categoria, hanno fatto scorrere la gara nel migliore dei modi.

Vincevano la classifica nella specialità del kata : 1) Scuola Karate Italia di Mosciano Sant’Angelo (TE); 2) Shotokan Shin Dojo di Malo (VI); 3) Polisportiva Union Vigonza (PD).

Salivano sul podio nel kumite le società: 1) Nintai-Kan Karate di Istrana (TV); 2) ITK Sport di Monza (MB); 3) Goshin Karate Dojo di Santa Marinella (RM).

Edgardo Sogno